LA GALLURA

La provincia della Gallura si trova nel nord est della Sardegna. Fa parte della vecchia grande provincia di Sassari, ora costituisce la (ormai ex) provincia di Olbia-Tempio, ed è conosciuta molto bene per lo splendido paesaggio, i colori eccezionali che variano dal turchese del mare,  a quello delle rocce di granito modellate dal vento e le montagne spettacolari del massiccio del Limbara. 
Un giorno il principe Karim, il quarto erede di Mohamed ed Aga Khan degli Ismaeliti, durante una crociera scoprì il litorale di nordest della Sardegna ed osservandolo dallo yacht, ne vide i golfi, le isole e le insenature ancora deserte e selvagge. Affascinato dai colori vibranti del mare, dalla figura bizzarra del granito scolpito dall'erosione eolica, dai pendii verdi e dal verde smeraldo della macchia mediterranea nella fioritura del rosmarino, del timo e dell'altra vegetazione profumata. Fu così che, all'inizio degli anni '60, venne fondato un consorzio denominato Costa Smeralda, diretto dall'Aga Khan ed il litorale verde smeraldo, presto si trasformò nella località turistica più prestigiosa ed esclusiva del mare Mediterraneo. Il progetto ha trasformato una linea costiera di quarantatre chilometri di lunghezza con una superficie di circa cinque mila ettari, in un paradiso per l'alta società.

Capo D'Orso

 L'intera zona della Costa Smeralda è uno dei più apprezzati luoghi turistici internazionali per le vacanze estive, ma anche in primavera ed in autunno grazie al clima particolarmente mite. Un famoso architetto francese, Jacques Couelle, ha contribuito nella creazione di uno stile architettonico unico e nuovo che ricorda determinate vecchie case rustiche della Sardegna con le pareti lavate bianche sbiadite o dai colori che interpretano nuovamente l'architettura Moresca.

Vuoi trascorrere le tue ferie in questo incantevole luogo ad un prezzo ragionevole 

comprando o affittando una casa, villa o  appartamento?

RIVOLGITI A GEMINI IMMOBILIARE DI PORTO SAN PAOLO!

     

La Gallura è nota nel mondo soprattutto per la presenza della Costa Smeralda con le sue movimentate scogliere e le sue splendide spiagge; ma in realtà tutto il territorio, a partire da Costa Paradiso sino a San Teodoro, è ricco di coste e spiagge di grande bellezza paesaggistico-naturalistica, dotate di ottime infrastrutture turistiche.      Sul piano archeologico è sede della cultura "dei circoli megalitici" o "di Arzachena", una testimonianza che si fa risalire al III° millennio a.C. e che presenta caratteri di assoluta originalità all'interno delle varie fasi preistoriche della Sardegna.

 

La Gallura si distingue nettamente dal resto della Sardegna per il suo patrimonio boschivo, costituito da quercie e da alberi di sughero, oltre che da un rigoglioso sottobosco di erica, corbezzolo, ginestra. L'artigianato, soprattutto del sughero e tessile, la lavorazione del granito, la pesca, la caccia, la produzione del Vermentino, i particolari tipi di insaccati (salami, salsicce, prosciutti), diverse specialità gastronomiche (ziminu, suppa cuata, mazzafrissa, culurgioni), sono il frutto della laboriosità delle genti di Gallura.

 

 
Spiagge della Gallura
Porto Rotondo - Olbia - Golfo Aranci - Porto S.Paolo
  • Cala Sos Aranzos è la più bella spiaggia della costa meridionale di Golfo Aranci, con l'incantevole arenile di sabbia bianca che si affaccia su uno specchio di mare limpido e cristallino di colore verde-azzurro.
  • Spiaggia di Marinella La spiaggia Marinella si trova a 4 km da Porto Rotondo.
    E' circondata da una folta e rigogliosa macchia mediterranea e presenta un arenile di sabbia bianca che accompagna un mare dalle acque azzurrissime.
  • Spiaggia di Pittulongu  La spiaggia di Pittulongu è la spiaggia tradizionale degli olbiesi.
    Di grandi dimensioni, presenta un arenile di sabbia bianca fine ed un mare azzurro
  • Spiaggia di Porto Istana  si trova a 8 km a sud di Olbia. E' caratterizzata da un'incantevole baia immersa nella macchia mediterranea, che si estende sino alla bianchissima spiaggia bagnata dal mare color smeraldo, di fronte all'isola di Tavolara.
  • Spiaggia di Spalmatore  è un ampio arenile formato da ciottoli bianchi piuttosto fini, bagnato da un mare limpido e cristallino dai colori verde e azzurro. Si trova nel promontorio posto sul lato occidentale dell'isola di Tavolara.
  • Spiaggia di Porto Taverna è una località turistica famosa per la sua bellissima spiaggia di sabbia bianca finissima che si specchia in un mare trasparente dal colore verde smeraldo.
    Dall'arenile è possibile godere della eccezionale e splendida vista sull'isola di Tavolara.

Cala Sos Aranzos
Marinella Beach
Pittulongu Beach

 

Porto Istana  Beach
Spalmatore Beach
Li Cossi Beach Costa Paradiso - Isola Rossa
  • Li Cossi Beach si trova ad ovest di Costa Paradiso. E' considerata una delle più belle della Sardegna, con la sua sabbia bianca ed il mare verde, incastonata tra imponenti rocce di granito rosa.
  • Spiaggia Lu Littaroni  dal mare azzurro cristallino e dalla finissima sabbia bianca, è caratterizzata da inconfondibili rocce rosse levigate dall'azione del maestrale e dal moto ondoso del mare, che fanno da cornice alla solitaria e splendida spiaggia.
 

 

 

 

La Marmorata Beach
Santa Teresa di Gallura
  • Rena Maiori Beach Santa Teresa di Gallura ospita una delle più belle spiagge della costa settentrionale dell'isola, la vasta e stupenda Rena Maiori, con un arenile di finissima sabbia bianca, bagnato da un mare dagli indescrivibili colori.
  • La Colba Beach In direzione di Capo Testa, in una natura selvaggia, si trova la piccola spiaggia La Colba, con la sua sabbia dorata finissima e il suo mare azzurro.
  • La Marmorata Beach la principale del comprensorio, presenta un vasto arenile di sabbia finissima, un mare dalle acque verde-azzurro e l'ineguagliabile panorama della maggiore delle due isole della Marmorata. Da non perdere.
Rena Maiori Beach

 

 

Spiaggia Rosa

La Maddalena - Palau
  • Cala Corsara si trova a Spargi (l'isola situata ad ovest della Maddalena). E' circondata da rocce di granito scolpite dal vento e dal mare e da una rigogliosa macchia mediterranea che arriva sino al bagnasciuga.
    Presenta un arenile di sabbia bianchissima e un mare color smeraldo
  • Spiaggia Rosa si trova nell'isola di Budelli.
    L'arenile rosa, l'intensità del verde azzurro del mare e la forma delle rocce di granito che cingono la spiaggia ne fanno un posto unico al mondo.
    Da non perdere
  • Cala Coticcio è una splendida e famosa insenatura nella costa orientale dell'isola di Caprera.
    Trattasi di un piccolo arenile di sabbia bianca fine, con uno splendido mare verde - azzurro.
    E' consigliabile raggiungerla via mare.
  • Rada di Mezzo Schifo è una splendida e famosa insenatura nella costa orientale dell'isola di Caprera.
    Trattasi di un piccolo arenile di sabbia bianca fine, con uno splendido mare verde - azzurro.
    E' consigliabile raggiungerla via mare
    .
Cala Corsara

 

 

 

Cala Coticcio
Rada di Mezzo Schifo

 

 

Costa Smeralda
  • Pevero Beach è una distesa di sabbia bianca finissima che, incorniciata dalla rigogliosa macchia mediterranea, si specchia nello stupendo mare color smeraldo.
  • Poltu Li Cogghj Beach  è una grande distesa di sabbia bianca, delimitata da rocce di granito e circondata dalla macchia mediterranea. E' sicuramente una delle più belle dell'intera isola. La limpidezza ed il colore verde smeraldo delle sue acque sono dovuti al particolare fondale di granito.
  • Capriccioli Beach Intorno a Punta Capriccioli vi sono tante piccole spiagge, caratterizzate da arenili di sabbia bianca finissima, dalle acque limpide e trasparenti di colore verde smeraldo, dalle rocce di granito rosa modellate dal vento e dalla rigogliosa macchia mediterranea.
  • Cala Razza di Giunco situata a sud della Costa Smeralda, è una cala che comprende quattro spiagge, inserite in un ambiente ancora incontaminato, caratterizzate da arenili di sabbia dorata fine e dal mare limpido color smeraldo.
Pevero Beach

 

 

Poltu Li Cogghj
Capriccioli Beach
Cala Razza di Giunco

Spiaggia Isuledda

San Teodoro

La Cinta Beach  è piuttosto ampia e si estende con i suoi 3 km di sabbia bianchissima, tra lo stagno di San Teodoro e lo straordinario mare color verde-azzurro.
La spiaggia è delimitata da dune di sabbia sulle quali sono cresciuti ginepri secolari, gigli selvatici e cardi marini.

Isuledda Beach è sicuramente la più importante del litorale meridionale di San Teodoro. Vi si gode lo splendido panorama dell'isola di Tavolara. E' caratterizzata da un vasto arenile, circondato dalla macchia mediterranea, che si tuffa in un mare azzurro intenso.

La Cinta Beach

 

Tempietto di Malchittu

Arzachena Da vedere:
- nuraghe Albucciu. Si tratta di un imponente nuraghe che risale all'età del bronzo medio (1600 - 1300 a. C.). E' del tipo "a corridoio" e raggiunge il maggiore sviluppo lungo l'asse nord - sud, che misura 25,50 mt., mentre trasversalmente misura 15 mt..

- tempietto nuragico di Malchittu. Si tratta di un rarissimo esempio di edificio nuragico a "megaron" , delimitato da due ante murarie. E' certamente l'unico monumento di questo tipo a presentare una pianta ellissoidale lunga 13 mt. e larga 6 mt..
- tombe dei giganti Li Lolghi. Il monumento, uno dei più grandi della Sardegna, presenta una maestosa stele composta da due lastre di granito sovrapposte;
The Giants Tomb of Li Lolghi

- necropoli di Li Muri. Unica testimonianza in Sardegna della cultura dei circoli di Arzachena;

- tomba dei giganti di Coddu 'Echju . Sito archeologico di grande interesse, edificato in più fasi a partire dalla metà del II° millennio a. C., sino al periodo nuragico. Il monumento è rappresentato da una grande stele, la più alta sinora conosciuta con i suoi 4,40 mt..

 

  • A Santa Teresa Gallura, guardando il mare, passeggiando per la campagna si sente forte la musica del Tempo. I grandi spazi, i paesaggi incontaminati, la primordiale bellezza dei luoghi, i profumi antichi, tutto spinge il pensiero verso epoche lontane, anzi lontanissime, ove uomini, eroi, natura e divinità popolavano la Gallura. Poche, ma di grande suggestione, le testimonianze di questo remoto passato: sulla strada per Capo Testa, un intero villaggio nuragico, di cui si possono vedere le fondamenta circolari delle capanne, i recinti per gli animali, e persino la base di una fornace. I Protosardi svilupparono una autonoma e originale organizzazione sociale, il cui tratto più conosciuto e spettacolare è costituito dai resti preistorici dei Nuraghi, sulla cui destinazione gli studiosi non concordano, ravvisando in essi, alcuni regge, altri tombe, altri templi, altri fortificazioni. Effettivamente la loro dislocazione lungo l'area perimetrale fa pensare che quest' ultima sia l' ipotesi più probabile. Purtroppo nel corso dei millenni le rocce sedimentarie o eruttive con cui senza malta cementizia, i Nuraghi (1600 a.C) venivano eretti, con straordinaria perizia tecnica, a forma di tronco di cono, sono state utilizzate per recintare poderi o erigere nuove costruzioni.

Tuttavia è vero che le pietre parlano: è straordinaria l'emozione che comunicano i resti nuragici ricoperti di muschi nella loro possente semplicità. La comunità pastorale che viveva in epoca nuragica a Santa Teresa aveva i suoi luoghi di culto, i suoi eroi da onorare, come testimoniano le due tombe di gigante recentemente portate alla luce dalla Sovrintendenza di Sassari in località Lu Brandali e la Testa. E' possibile visitare i siti archeologici che si trovano in aperta campagna, immersi nella macchia mediterranea che, sommergendoli completamente, li ha preservati dalla totale distruzione. E' di grande suggestione sedersi, nel silenzio, con lo sguardo rivolto al sole all'interno dell'esedra, lo spazio antistante la Tomba, proprio come dovevano fare le popolazioni antiche per una vera e propria magnetoterapia.  Aristotele racconta che i Sardi usavano dormire presso le tombe dei loro eroi, dei quali conservavano i corpi incorrotti. Numerose testimonianze indicano come fonte di benessere la sosta in quei siti, che anche ai più agnostici suggeriscono quiete e benessere psicofisico.
Pozzo Sacro Sa Testa
  • Olbia Da vedere:
    - tempio a pozzo Sa Testa. Si tratta di uno dei monumenti nuragici più suggestivi e meglio conservati tra quelli dedicati al culto delle acque. Notevole una scala di 17 gradini che conduce alla camera a tholos, dal cui pavimento sgorga l'acqua.
    - nuraghe Riu Mulinu. Sorge in posizione isolata e panoramica sulla sommità di una collina. Si tratta di un nuraghe monotorre, del quale si conservano alcuni tratti del pavimento esterno ed una parte della scala che portava ai piani superiori.
  •  Golfo Aranci Da vedere:
    - tempio a pozzo Milis. Questo monumento, ben conservato, presenta una ripida scala di 40 gradini che porta alla camera del pozzo, alta oltre 9 mt., con la copertura a tholos.
  • S. Antonio di Gallura Da vedere:
    - muraglia prenuragica di Sara Aglientu. Si tratta di una muraglia caratterizzata dalla straordinaria lunghezza, è lunga infatti circa 200 mt.. Sotto la muraglia si possono vedere i resti dell'omonimo nuraghe..
  • Calangianus Da vedere:
    - complesso nuragico di Monti di Deu. E' costituito, oltre che da alcuni nuraghi, da una fortificazione, una fonte ed una tomba dei giganti. Ciò testimonia gli aspetti civili, militari e funerari del complesso.
Elenco principali musei della Gallura
  • Museo Nazionale del compendio garibaldino di Caprera
    Isola di Caprera - La Maddalena
    Tel. 0789/727162
    Il compendio garibaldino costituisce l'insieme degli edifici e dei cimeli un tempo di proprietà di Giuseppe Garibaldi ceduti poi allo Stato, che ne ha curato il restauro e la ristrutturazione nel 1978. Garibaldi si stabilì a Caprera nel 1857, dove morì nel 1882.
  • Museo Archeologico Navale "Nino Lamboglia" - La Maddalena
    loc. Mongiardino
    Tel. 0789/790633
    Quasi unico nel suo genere, il museo è dedicato alla celebre nave romana naufragata nell'arcipelago della Maddalena verso il 120 a.C..
  • Museo Bernardo De Muro - Tempio Pausania
    Parco della Rimembranza
    Tel. 079/671580 - 079/672269
    Questa piccola esposizione è dedicata al tenore tempiese Bernardo De Muro (1881 - 1955), il quale, formatosi presso l'Accademia di S. Cecilia di Roma, è diventato famoso a livello nazionale ed internazionale.
  • Museo "Galluras, frammenti della civiltà gallurese" - Luras
    via Nazionale n° 35
    Tel. 368/3376321
    Il museo, dedicato alla cultura tradizionale gallurese, ha sede in una tipica palazzina della Gallura con la facciata in granito a vista e i solai in legno.
  • Museo del vino - Berchidda
    via Giangiorgio Casu, 5
    Tel. 079/705268
    Il museo è nella parte più alta del paese, in un moderno edificio con una terrazza panoramica dalla quale si possono ammirare i vigneti della zona; ospita, assieme ad una raccolta di prodotti della viticoltura sarda, aspetti della storia della tecnica vinicola. Di grande rilevanza il laboratorio vinicolo all'aperto, nel quale sono impiantati filari di vite destinati alla vinificazione.
Gemini immobiliare - Porto S. Paolo - Costa Smeralda - Gallura - Sardegna

    

 Home page  

Chi siamo     Contattaci    Dove    Immobili   Case al mare    Appartamenti in Sardegna   

   Partners   La Gallura     Sardegna     Costa Smeralda